"L'Ultima Luce"

30.09.2018

"Viviamo, ogni nostro giorno, avvolti in un lenzuolo di superficialità, assediati da slogan di tifoserie contrapposte che nascondono la realtà e deviano il pensiero critico nella direzione più comoda e/o più semplice.
Sommersi da distrazioni, piacevoli e non, che ci portano lontani da ciò che, forse, dovrebbe essere considerato importante.
Ammaliati dalla creatività e inventiva strumentale degli altri, credo che molti di noi abbiano perso la capacità di osservare i dettagli.
Molti non distinguono più tra cos'è giusto e cos'è sbagliato.
In questo mondo, la soggettività della mente viene costantemente drogata da decine, centinaia se non migliaia, di informazioni e immagini al puro scopo di manipolare il pensiero.
Siamo un esercito di opinionisti e tuttologi con un pensiero alterato e, spesso, limitato a nozioni basilari o alla padronanza di piccolissime frazioni di argomenti che meriterebbero una vita intera di studio.
Ed è con la consapevolezza di esser parte di questo mondo che passeggio, lontano da distrazioni, lontano dagli altri, guardandomi intorno cercando di cogliere ogni dettaglio del paesaggio che mi circonda.
Durante una delle tante passeggiate, vidi un albero, nudo, insignificante, in mezzo ad un campo che la luce riempiva di un solo colore.
Aspettai fino a quando la rotazione dell'asse terrestre diede un nuovo volto alla scena.
Poco prima del tramonto, la luce si sollevò dal suolo coprendo il terreno di un manto scuro.
La chioma spoglia, travolta dal chiarore del sole, si rinvigorì distinguendosi dal resto del suo mondo.
Pochi minuti di assoluto protagonismo e, sprofondò nell'ombra che lo rese nuovamente parte integrante di un paesaggio senza significato, dal quale, però, non può sfuggire."
E.Z.

© Emanuele Zallocco Photography
------------------------------------------------
E' vietata la copia, la riproduzione, il salvataggio dell'immagine e dei testi senza previo consenso.


"Era un giorno di fine estate, il cielo era limpido e la temperatura gradevole.
Decisi di fare una passeggiata sul Vettore, nel Parco Nazionale dei Monti Sibillini.
Camminai per circa 3 ore ed arrivai in Vetta.
Le nuvole salirono dalla valle e, in un attimo, il Lago di Pilato, 900 metri più in basso, scomparve.
...

"Dall'Alto"

01.10.2018

"Osservare dall'alto aiuta a capire da dove proveniamo.
Essere circondati dal solo vento in armonia con la luce aiuta a capire cosa c'è in basso.
Trovarsi li, in alto, in piedi, con gli occhi sgranati come a non voler perdere un solo istante di quel tempo che scorre inesorabile, credo sia la cosa più vicina alla Libertà.
" E.Z....

"Viviamo, ogni nostro giorno, avvolti in un lenzuolo di superficialità, assediati da slogan di tifoserie contrapposte che nascondono la realtà e deviano il pensiero critico nella direzione più comoda e/o più semplice.
Sommersi da distrazioni, piacevoli e non, che ci portano lontani da ciò che, forse, dovrebbe essere considerato importante.
...