"This is EARTH"

07.10.2018

"Era un giorno di fine estate, il cielo era limpido e la temperatura gradevole.
Decisi di fare una passeggiata sul Vettore, nel Parco Nazionale dei Monti Sibillini.
Camminai per circa 3 ore ed arrivai in Vetta.
Le nuvole salirono dalla valle e, in un attimo, il Lago di Pilato, 900 metri più in basso, scomparve.
Nel giro di pochi minuti le nuvole mi avvolsero.
Ricordo perfettamente una vaga sensazione di disorientamento, nonostante mi trovassi vicino alla croce del Vettore, un luogo che conosco perfettamente.
Lasciai che la nebbia fitta bagnasse i miei capelli e i miei vestiti.
La nebbia sembrava essersi impossessata nella sua densità degli odori della natura.
Non riesco a descrivere l'odore, ma era un misto tra erba umida e fresca di montagna, roccia tiepida scaldata dal sole fino a pochi minuti prima, foglie e legno dei boschi a valle.
La nebbia schermava i suoni; sembrava di essere in una campana di vetro in cui, oltre al rumore del mio respiro, vi erano infiniti fischiettii creati dall'aria nelle fessure delle rocce, piccoli suoni da terra dovuti al movimento dell'erba bassa, rumori piacevoli di insetti di vario genere e lontani e cupi versi di un rapace in volo che rimbombavano nell'aria.
Rimasi lì per un po', circondato dal bianco, che nascondeva i punti di riferimento, a respirare ed ascoltare cercando di distinguere e identificare tutto ciò che sentivo.
Non volevo andar via, ma sarebbe arrivata la notte, quindi me ne andai a malincuore, e man mano che scendevo la nebbia si diradava.
Al primo tornante che si affaccia sul Pian Grande e Pian Piccolo il sole si fece strada tra le nuvole e creò una magnifica danza di luci, ombre e colori sulle valli sottostanti.
Mi piace pensare che questa immagine sia stato un saluto, o magari un dono della Natura, che non voleva lasciarmi andar via senza regalarmi qualcosa, semplicemente per aver passato del tempo con Lei.
Forse, questo spettacolo era il finale che pensavo di dover attendere in Vetta."
E.Z.

© Emanuele Zallocco Photography
-------------------------------------------------------------------------
E' vietata la copia, la riproduzione, il salvataggio dell'immagine e dei testi senza previo consenso.


"Era un giorno di fine estate, il cielo era limpido e la temperatura gradevole.
Decisi di fare una passeggiata sul Vettore, nel Parco Nazionale dei Monti Sibillini.
Camminai per circa 3 ore ed arrivai in Vetta.
Le nuvole salirono dalla valle e, in un attimo, il Lago di Pilato, 900 metri più in basso, scomparve.
...

"Dall'Alto"

01.10.2018

"Osservare dall'alto aiuta a capire da dove proveniamo.
Essere circondati dal solo vento in armonia con la luce aiuta a capire cosa c'è in basso.
Trovarsi li, in alto, in piedi, con gli occhi sgranati come a non voler perdere un solo istante di quel tempo che scorre inesorabile, credo sia la cosa più vicina alla Libertà.
" E.Z....

"Viviamo, ogni nostro giorno, avvolti in un lenzuolo di superficialità, assediati da slogan di tifoserie contrapposte che nascondono la realtà e deviano il pensiero critico nella direzione più comoda e/o più semplice.
Sommersi da distrazioni, piacevoli e non, che ci portano lontani da ciò che, forse, dovrebbe essere considerato importante.
...